Yoga per bambini: prime lezioni da 20 mesi di età

Il termine “Yoga” in sanscrito vuol dire “unione”: trasmettere i valori di questa sana pratica ai più piccoli significa piantare in loro semi da coltivare per tutta la vita. Attraverso il gioco è possibile trasmettere ai bambini i principi base dello yoga per far sì che aprano gli occhi della mente e le orecchie del cuore. 

I benefici fisici dello yoga nei bambini

La mente dei bambini dai 20 ai 36 mesi è ancora un foglio bianco tutto da scrivere. Per questo poche ore di yoga saranno sufficienti per porre le basi di un percorso educativo in senso fisico, emotivo e psicologico. Attraverso lo yoga i piccoli acquisiscono maggiore elasticità e tonicità muscolare. Ecco gli effetti vantaggiosi dello yoga a livello corporeo:

  • stimolazione della percezione del proprio corpo e la coordinazione motoria;
  • miglioramento dell’equilibrio; 
  • sprone all’imitazione degli elementi della natura attraverso giochi e letture.

Il primo passo è far prendere confidenza ai bambini con il proprio corpo. Il semplice tenersi per mano tra loro e sedersi in cerchio senza lasciarsi indica già un buon equilibrio e una certa percezione degli spazi. A questo punto i bambini sono pronti ad apprendere le prime posizioni dello Yoga, Asana. Esse sono una riproduzione di animali, persone o oggetti della natura: dal momento che i bambini hanno una naturale inclinazione all’imitazione, il loro apprendimento potrà solo migliorare questo istinto. Attraverso racconti che abbiano per protagonisti animali o elementi naturali, i piccoli sono spronati a riprodurre movimenti e posizioni yoga benefici per la crescita.

I benefici emotivi dello yoga nei bambini

A livello emotivo e psicologico lo yoga aiuta i bambini a sviluppare maggiore autonomia e a regolare la propria energia incanalandola nella giusta direzione. 

In particolare lo yoga genera nei più piccoli i seguenti benefici:

  • sviluppo delle capacità di concentrazione;
  • aumento della creatività della mente e del corpo;
  • rispetto dello spazio altrui;
  • rilassamento ascoltando il proprio respiro, una musica o cantando un mantra. 

Stimolare creatività e concentrazione è tanto importante quanto semplice con la tecnica yoga. Per esempio con un solo grande foglio bianco circolare i bambini possono dare sfogo alla fantasia imparando a condividere l’unico spazio disponibile con altri coetanei. A conclusione della lezione il rilassamento ascoltando della musica sdraiati a terra migliorerà anche la respirazione dei bambini.

Yoga all’asilo nido

Per seminare questi sani principi di vita bisogna iniziare subito: la pratica dello yoga già nell’asilo nido è un buon inizio. Un ciclo di sei lezioni di 25-30 minuti in un ambiente familiare e quotidiano per i più piccoli darà loro fiducia facendoli avvicinare all’apprendimento dello yoga senza remore. Yoga in fascia propone un corso per introdurre i più piccoli allo Yoga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra nella nostra newsletter

* indicates required

In Yoga in fascia teniamo molto ai tuoi dati. Autorizza il trattamento dei tuoi dati per rimanere in contatto con noi. Riceverai news ed inviti ai nostri eventi.

Puoi annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento. Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy sul nostro sito web.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.