|  | 

Giornata Mondiale della Prematurità : 17 novembre

Lo sapevi che il 17 novembre è la giornata mondiale dedicata alla prematurità? 

Si definisce prematuro un bambino nato prima della 37esima settimana di gestazione. A seconda del tempo di gestazione la prematurità può essere lieve, media o grave. L’emozione prevalente nelle neomamme di bambini prematuri non è tanto l’ansia o la preoccupazione nei confronti del figlio, quanto piuttosto un grigio senso di impotenza. Quella sensazione di non essere mamme abbastanza brave, donne abbastanza forti; aleggia il serpente tentatore della incapacità, della frustrazione, della sfiducia.

Ma la prematurità può essere vissuta come un dono. Un’ occasione per imparare a stare con la propria debolezza, e renderla un punto di forza, di luce e di amore. Ecco perché è stata dedicata una giornata mondiale della prematurità oggi! 

Il 17 novembre è la Giornata Mondiale della Prematurità

… e noi vogliamo festeggiarla così: elogiandola

 Lo Yoga infatti insegna che nulla avviene per caso e la sfida della vita è quella di STARE nel momento presente, accettando ciò che non posso controllare, impegnandomi con passione e dedizione in ciò che posso cambiare e affidandomi con fiducia e speranza al disegno divino.

I nati prematuri sono bambini con una enorme volontà di vivere! Nonostante il grande bisogno di cure iniziali, sono tutti bambini che da grandi sanno sognare in grande, avere progetti enormi, spesso comunitari o che comunque coinvolgono tante persone. Carismatici, indipendenti e pieni di energie! i bambini prematuri ci insegnano che la sicurezza sta nella nostra vulnerabilità. Essere vulnerabili è un qualcosa che rafforza. Abbiamo sempre paura di essere impreparati a ciò che ci aspetta, ma la sorpresa e la meraviglia del mondo sapranno sempre darci fra le mani tutte le carte buone che ci occorrono.

Anche tu, mamma, puoi "festeggiare" la giornata mondiale della prematurità

Se sei mamma di un bambino prematuro non cedere all’angoscia, all’ansia, alla paura… non sentirti impotente, incapace o fallita. La sfida che il tuo bambino ti sta lanciando è quella di cambiare punto di vista e trovare una grande luce in un momento che può apparire di grande buio. Segui dunque la via che tuo figlio ha aperto per te: il vostro mondo è ricco di amore, ti serve solo vederlo: oggi, durante la giornata mondiale della prematurità e tutti i giorni che verranno! 

Tu sei abbastanza, mamma, sei tutto ciò di cui tuo figlio ha bisogno.

La tua presenza, il tuo amore, il tuo pensiero, la tua energia sono il suo nutrimento, la sua sicurezza, ciò che forma la sua casa. Fermati ad osservare i dettagli, piccolissimi momenti di gioia, di condivisione, di passi avanti; goditi ogni istante.

Se volessi consigliamo questa lettura a tema: “Nato Prima” di Giorgia Cozza.

Una storia lieve e profonda al tempo stesso, che racconta con delicatezza la nascita di un bimbo prematuro, il ricovero in Terapia Intensiva Neonatale e, finalmente, il ritorno a casa. Un incoraggiamento per le mamme e i papà che stanno vivendo questa esperienza e un libro da leggere con il proprio bambino nato prima del tempo, per raccontargli la storia della sua nascita: la storia di un bimbo molto piccolo e di un amore molto grande.

Giorgia Cozza

Se questo tema ti tocca particolarmente e senti la vocazione a volerlo vivere con più consapevolezza ti aspettiamo nel corso dedicato alla “Nascita Speciale” all’interno della nostra Accademia Yoga in Fascia®.

Qui ad un prezzo speciale per poco tempo! 

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *