Esogestazione: 9 mesi e 3 fasi nel post parto.

ENDOGESTAZIONE. 3 FASI 9 MESI POST PARTO

Forse non conosci ancora il termine esogestazione, con il quale indichiamo i 9 mesi del post parto che possiamo immaginare divisi in 3 fasi. O forse si?!

Bhe, poco importa, perchè quello che vogliamo raccontarti potrebbe davvero interessarti!

E se non lo hai ancora letto, qui trovi il link dell’articolo dove ti spieghiamo come si possono “vivere” i 3 trimestri nell’endogestazione.

E’ importante non sottovalutare quanto sia presente un parallelismo simbiotico, simbolico ed energetico tra i due momenti della gestazione. C’è una differenza, però, che adesso il bambino è presente tra la braccia materne. E’ a tutti gli effetti una personcina appena a sbarcata sul pianeta Terra, da conoscere, da accudire, che cresce e cambia insieme alla mamma.

Abbiamo piacere di condividere con voi come vediamo noi l’esogestazione, le 3 fasi nei 9 mesi post parto.

Esogestazione e Adattamento – la Fase dei primi 3 mesi del post parto

esogestazione adattamento 1 fase post parto

Nei primi 3 mesi post parto il corpo materno è reduce da un momento tanto unico quanto impegnativo nella vita di una donna. È un corpo che ha portato dentro di sé il peso di una nuova vita, che ha superato il parto, e che ne è uscito sicuramente più forte. Ma anche diverso da come era prima.

Può essere un corpo segnato fisicamente da episiotomia e cesareo, o segnato emotivamente e mentalmente, dalla stanchezza, dal cambiamento.

Gli stati d’animo del post parto sono intrinsecamente connessi con la gestione delle necessità del bambino. Si ricerca e ci si adatta a un nuovo equilibrio.

La felicità di stringere il proprio bambino tra le braccia si unisce alle preoccupazioni. Alle insicurezze, alla stanchezza e alle difficoltà del momento.

Si alternano momenti di estrema gioia a momenti di profonda solitudine, in questa continua ambivalenza tra il voler quasi essere un tutt’uno col proprio bambino e il voler ritrovare una propria indipendenza.

Anche l’allattamento è un adattamento, uno sperimentare, un equilibrio da trovare.


Esogestazione e Espasione – Il secondo trimestre del bimbo – Fase 2

Il secondo trimestre è quello dell’espansione e anche dell’equilibrio! 

Finalmente la mamma e il bambino riescono a capirsi al primo sguardo (o quasi !). Si instaura nuovamente la simbiosi, il legame si approfondisce, la relazione diventa più intima e gratificante.

La donna è totalmente al centro dell’esperienza, vive un senso di pienezza, il bimbo cresce grazie al suo nutrimento. Il corpo della donna inizia a tornare com’era prima. L’utero ha ormai ripreso le sue dimensioni normali, la muscolatura ha ripreso tono e anche gli sbalzi ormonali ed emotivi diminuiscono.

Questo è il periodo in cui, generalmente, l’allattamento si stabilizza, perché le madri o i figli hanno preso un proprio ritmo e le donne hanno imparato a capire i segnali dei piccoli.

Purtroppo, già in questo trimestre, alcune donne sono costrette a rientrare al lavoro, anticipando così la fisiologica tendenza alla separazione caratteristica del terzo trimestre e deprivando così mamma e figlio del momento più sereno e fruibile per l’espansione della relazione in direzione della pienezza.


La fine dell’endogestazione – Il terzo trimestre

Il terzo trimestre è quello della separazione, la mamma e il bambino iniziano a vivere una fase di stacco reciproco.

Il corpo della donna è tornato a essere proprio come era prima del parto, e anche i momenti da dedicare a se stessa diventano più presenti, complice la maggiore autonomia del bambino.

Il piccolo di casa inizia lo svezzamento e diventa meno dipendente dalla mamma anche per quanto riguarda i bisogni primari.

Inizia a esplorare il mondo intorno a sé, a gattonare, a muoversi e giocare in maniera autonoma. Può capitare che questa nuova fase del rapporto tra mamme e bambino provochi sentimenti contrastanti in entrambi.

Dall’altro il desiderio di una ritrovata indipendenza, dall’altro la malinconia del rapporto simbiotico.

Anche quest’ultimo trimestre è un percorso intenso e porterà alla nascita di un nuovo essere sociale, o meglio di due.

Un bimbo indipendente, capace di relazionarsi e aprirsi agli altri con fiducia nelle sfide quotidiane (perché ha avuto una base di accudimento sicura nella figura genitoriale) e la sua stessa mamma, che ritornerà alla vita “normale” sicuramente diverse da prima, grazie all’esperienza vissuta in questi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra nella nostra newsletter

* indicates required

In Yoga in fascia teniamo molto ai tuoi dati. Autorizza il trattamento dei tuoi dati per rimanere in contatto con noi. Riceverai news ed inviti ai nostri eventi.

Puoi annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento. Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy sul nostro sito web.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.