Endogestazione. I 3 periodi della gravidanza

Endogestazione. i 3 periodi della gravidanza

ENDOGESTAZIONE Conosci i 3 periodi che caratterizzano il cammino di una mamma in gravidanza?

Al giorno d’oggi si sente spesso parlare , specialmente nel campo materno infantile, di endogestazione ed esogestazione.

Questi termini fanno riferimento ai periodi di crescita e sviluppo prima all’interno dell’utero materno  e in seguito al di fuori di esso .

In questo articolo parleremo in particolare modo del periodo Prenatale, al cammino della futura mamma e allo sviluppo del feto: L’ENDOGESTAZIONE.

Dunque, la mamma ed il proprio bimbo, come anticipato, andranno ad affrontare tre fasi, tre momenti che possiamo riassumere così: adattamento, apertura ed infine separazione.

Cosa sono i 3 periodi dell’endogestazione (la gravidanza)?

Ora è spiegato, in maniera semplice ed immaginabile, come è possibile associare queste fasi ai 3 TRIMESTRI

CORSO YOGA PER MAMME IN GRAVIDANZA I TRE TRIMESTRI


Il primo trimestre della gravidanza è caratterizzato dalla novità, dalla sorpresa, dal cambiamento fisico ed emotivo. Oscillando tra ciò che era e ciò che sarà, la donna vive un momento di sensazioni contrastanti.

L’esperienza della maternità è talmente intensa che necessita un certo tempo per essere riconosciuta ed accettata.

Ne conseguono una serie di riflessioni legate a dubbi, gioie, perplessità, sogni, emozioni.

Anche se il cambiamento corporeo, nel primo trimestre della gravidanza, non è ancora particolarmente visibile, si manifestano dei segnali nella donna: una grande stanchezza, la necessità di riposo e tranquillità, a volte un’intensa nausea.

Endogestazione i 3 periodi della gravidanza

“CORSO DI YOGA IN GRAVIDANZA”

” Endogestazione i 3 periodi della gravidanza “

Il secondo trimestre è quello dell’apertura e dell’espansione. La difficoltà dei primi mesi è superata, la pancia inizia a vedersi più e il bambino a farsi sentire. Anche il padre, seguendo i movimenti del piccolo, può sentirsi più partecipe e realizzare a sua volta il cambiamento che ci sarà.

È anche un periodo di maggior apertura all’ascolto di sé e del bambino, l’ambivalenza lascia spesso spazio alla simbiosi tra madre e figlio. Questo è un periodo importantissimo: se la donna crea un intenso legame con il suo bambino in utero, sarà in grado di partorirlo con più facilità, affrontando la separazione del parto.

Il terzo trimestre è invece quello della separazione: il bambino è ormai cresciuto e occupa molto spazio, si punta, si fa sentire; si posizionerà a testa in giù, preparandosi così alla nascita. Le donne avvertono che lo spazio del bambino si è ristretto, capiscono come è posizionato il piccolo e a volte evidenziano i suoi movimenti come particolarmente intensi e fastidiosi.

La pancia inizia ad essere sempre più ingombrante e il peso affatica le donne. Si percepisce come sempre più vicina la separazione, che però genera un po’ di timori.

Questo è un periodo di preparazione per la separazione stessa: il pensiero e la percezione della donna servono come elaborazione alla progressiva separazione fisica, la quale permetterà al bambino di venire al mondo come una persona a sé stante.


Se ti è piaciuto questo articolo leggi condividilo sulla tua pagina Facebook e seguici sulla nostra FACEBOOK https://www.facebook.com/yogainfascia


SE VUOI APPROFONDIRE LA TUA CONOSCENZA NEL MONDO DELLO YOGA E DELLA MATERNITA’ , PARTECIPA AI NOSTRI CORSI DI FORMAZIONE PER DIVENTARE INSEGNANTE DI YOGA IN GRAVIDANZA E POST PARTO CON METODO YOGA IN FASCIA®

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra nella nostra newsletter

* indicates required

In Yoga in fascia teniamo molto ai tuoi dati. Autorizza il trattamento dei tuoi dati per rimanere in contatto con noi. Riceverai news ed inviti ai nostri eventi.

Puoi annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento. Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy sul nostro sito web.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.